GRUPPO SBANDIERATORI
del "Borgo Rovereto"
Scroll

STORIA DELLA BANDIERA

Verso la tradizione

Nel medioevo l'alfiere era considerato come il moderno sbandieratore, a lui il compito di portare il vessillo in battaglia e proteggerlo a costo della vita stessa. 
Gli alfieri erano impiegati tipicamente alla testa di un reparto di milizia, il loro vessillo identificava il reparto e poteva essere contraddistinto da lontano e quindi coordinato. L'alfiere con i movimenti del suo drappo poteva a sua volta segnalare e comunicare informazioni.
L'alfiere doveva essere il soldato più capace e atleticamente preparato in quanto scendeva in battaglia armato solo del suo vessillo che tipicamente in punta era dotato di una lama indispensabile per farsi spazio irrompendo tra le fila nemiche.
L'alfiere delineava con la sua bandiera il fronte di avanzata e la direzione, il suo operato era quindi  indispensabile per i soldati che dovevano capire nonostante la polvere, la violenza dei combattimenti e le ferite quale era la direzione nella quale procedere. Al contrario, il compito degli avversari era proprio quello di eliminare vessillo per disperdere e mettere in difficoltà il nemico.
Nel caso gli avversari avessero avuto la meglio, l'alfiere doveva essere in grado di scagliare il vessillo il più lontano possibile affinchè non fosse "preso".
In tempi di pace gli alfieri mostravano la loro bravura nel giuoco della bandiera, questa attività è di sicuro più vicina al modo di concepire oggi gli sbandieratori moderni, nati da una necessità sul campo e divenuti poi veri e unici detentori di un'arte centenaria capace di affascinare ancora oggi. 

Fondamentale tassello necessario ad accrescere la formazione del gruppo è stata l'esperienza nella Lega Italiana Sbandieratori, lega alla quale il gruppo ha aderito fino al 2001 ed in seno alla quale sono stati conferiti ai responsabili di sbandieratori e musici rispettivamente i titoli di  "Maestro di Bandiera" e "Maestro Musico".

Le manifestazioni a cui hanno preso parte gli sbandieratori non si contano più ma sono più di cinquecento in Italia e in tutta Europa (Parigi, Lione, Monaco, Vienna etc...).

I colori delle bandiere dell'Associazione Aleramica sono bianche e blu come sono i colori della Madonna della Salve, personaggio santissimo molto ara ad Alessandria. Sul drappo compare stilizzata la chiesa di Santa Maria del Castello, edificio medioevale che sorge proprio nel Borgo Rovereto: anima e radice storica della città.

Unico gruppo sbandieratori di tutta la provincia di Alessandria, fondato nel 1992 è il capostipite di una tradizione, quella del giuoco della bandiera, oramai consolidata nel tempo. Il gruppo ha partecipato a numerose manifestazioni in Italia (il palio di Asti, il corteggio storico di Prato, il palio dei rioni di Albenga, le giornate medioevali di Sala Consilina - SA) ed in Europa (Lione, Draguignan, Parigi - Francia, Vienna - Austria, Vaduz - Lichtestein, Kaltemberg - Germania)

SCUOLA DI BANDIERA

I corsi di bandiera sono gratuiti e rivolti a tutta la popolazione, si svolgono una volta alla settimana in palestra ad Alessandria durante la stagione invernale e presso la Cittadella di Alessandria di Via Pavia durante il periodo estivo.

Adulti: dalle 21.30 alle 22.30

Bambini: dalle 18.00 alle 19.00

Vuoi provare? Contattaci!

IL NOSTRO GIURAMENTO

Gli aspiranti sbandieratori, una volta pronti, giurano in una cerimonia suggestiva ed indossano una fascia all'interno della quale ricamano il proprio nome e la data del giuramento.

Il responsabile del gruppo sbandieratori recita la formula di investitura, da quel momento un nuovo sbandieratore è accettato all'interno del gruppo.

QUALCUNO LO HA DETTO:

<< Solo se lo hai provato puoi capire quel silenzio.
Quando si resta col fiato sospeso ed il naso all'insù per lunghi istanti ed il tempo si ferma.
Quando la bandiera accarezza il cielo e le stelle prima di abbandonarsi alla tua presa sicura.
Quando irrompe il fragore degli applausi e vedi la gioia negli occhi dei bambini che ti ammirano e che un giorno, dicono, saranno anche loro sbandieratori. >>

— Francesco Mandia - Presidente Onorario

QUESTI SIAMO NOI

In un corteo di colore e musica per le vie del centro, inaspettatamente in qualche festa della provincia, in qualche evento nazionale e perfino all'estero, questi sono gli Sbandieratori del Borgo Rovereto che potrai incontrare.

Gianluca Rescia

Maestro di Bandiera e Responsabile

Stefano Fracchia

Vice Responsabile

Elisa Masiera

Sb. Anziano

Matteo Masiera

Sb. Anziano

Giuseppina Cannatelli

Sb. Anziano

Francesco Mandia

Sb. Anziano

Marta Pastori

Sb. Giovane

Alberto Poidomani

Sb. Giovane

Andrea Marchetti

Sb. Giovane

Silvia Rosso

Sb. in formazione

COMPONENTE JUNIOR

Da spettatori a protagonisti, i nostri sbandieratori junior hanno rimpito di gioia e vitalità la nostra associazione, con la loro incontenibile energia!

SBANDIERATORI BENEMERITI

Sbandieratori che si sono contraddistinti tra molti pur meritevoli...

_ _

SB Benemerito 2019

Gianluca Rescia

SB Benemerito 2018

Alberto Poidomani

SB Benemerito 2017